fbpx
Create an Account

Carrello

Chiudi

Nessun prodotto nel carrello.

Chiudi
2 Marzo 2020
Posted by : Sara Masci

Lo Zafferano di Navelli è senza dubbio il prodotto più pregiato d’Abruzzo. Coltivato sulla Piana di Navelli, a L’Aquila, ha una storia molto particolare e tutta da scoprire!

Noi di Mamo ci siamo innamorati di questa spezia proprio partecipando alla raccolta: la tecnica utilizzata per la coltivazione e l’amore e la delicatezza posti nella divisione degli stimmi dai fiori, lo rendono unico e soprattutto buonissimo!

Da qui, abbiamo deciso di iniziare a studiarlo e a coltivarlo, facendo esperienza e imparando ad apprezzare ogni giorno di più questo pregiato Oro rosso.

Zafferano di Navelli

In questo articolo scoprirete brevemente la storia del famoso Zafferano di Navelli, affascinante quanto incantevole.

Siete curiosi? Allora buona lettura!

Mitologia

L’origine del nome “Zafferano”, dal greco Kròkos (filo), viene attribuito – secondo la mitologia greca – alla romantica ma sventurata storia d’amore tra un giovane mortale di nome Kròkos e la bellissima ninfa Smilax.

Crocus et Smilax (Mét. en rondeaux Mabre-Cramoisy 1676)

Più comune è invece l’origine mediterranea: lo Zafferano (in arabo zaʿfarān), infatti, è una pianta originaria dell’Asia Minore, delle zone montuose dell’Iran e del Mediterraneo orientale, coltivata per la prima volta in Grecia e probabile discendente del Crocus cartwrightianus, originario dell’isola di Creta.

Nel 961 a.C. la spezia venne diffusa dai conquistatori arabi in Spagna, dove divenne una fonte di ricchezza tutelata attraverso l’istituzione di un tribunale speciale per il controllo, con leggi molto severe riguardanti l’esportazione dei bulbi.

Dalla Spagna, intorno al 1250, raggiunse l’Abruzzo: tra i membri del tribunale spagnolo, infatti, figurava il padre domenicano Domenico Santucci, nativo di Navelli (AQ) ed estimatore delle virtù dello Zafferano, che riuscì a trafugare i bulbi portandoli con sé nel suo paese natale.

Piana di Navelli (L’Aquila) – Terra madre dello Zafferano abruzzese

In quelle zone lo Zafferano trovò terreno fertile e, in breve tempo, la coltivazione si estese nelle località vicine, tra cui Barisciano, dove procede la nostra coltivazione. Qui, durante l’antichissima e tradizionale Fiera di Santa Caterina (tuttora in voga nel mese di Novembre), veniva quotato il prezzo dello Zafferano per i mercati nazionali ed internazionali.

Come acquistare il nostro Zafferano di Navelli

Potete acquistare il nostro purissimo Zafferano di Navelli (L’Aquila) in diversi formati (0,3g – 0,5g – 1g) sia in Vasetto che in Astuccio Premium su cui sono riportate le dosi consigliate dello Zafferano e soprattutto le istruzioni su come utilizzare i suoi Stimmi.

Zafferano di Navelli
Zafferano di Navelli
Zafferano di Navelli

Per scoprire di più sullo zafferano, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su curiosità, usi e ricette con protagonista questa magnifica spezia!

Vi ringraziamo per la lettura e vi invitiamo a trovarci sui nostri canali social!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *