fbpx
Create an Account

Carrello

Chiudi

Nessun prodotto nel carrello.

Chiudi
15 Maggio 2020
View: 60

MIELE DI ACACIA E ZAFFERANO: POTENTE MIX ANTIAGE E DERMOPURIFICANTE

Ciao a tutti! Oggi vogliamo proporvi un utilizzo alternativo di uno dei prodotti più preziosi e particolari presenti sul nostro catalogo: una fantastica maschera viso al miele e zafferano!

Il miele, si sa, è una sostanza naturale nutriente ormai ampiamente utilizzata in cosmetica: viene impiegato molto spesso nella preparazione di struccanti, maschere per il viso, idratanti della pelle, balsami per capelli, nel trattamento dei brufoli e nella guarigione di ferite e ulcere. È un potente antiossidante, antibatterico, antinfiammatorio e agente antivirale.

Nelle formulazioni cosmetiche esercita effetti emollienti, umettanti, lenitivi per la pelle e condizionanti per capelli, mantiene la pelle giovane, ritarda la formazione di rughe, regola il Ph della pelle e, in particolare, previene e tratta le infezioni da agenti patogeni grazie al rilascio enzimatico di H2O2 (perossido di idrogeno, comunemente conosciuto come acqua ossigenata, che aiuta a depigmentare le macchie scure sulla pelle!).

Tali effetti sono addirittura potenziati se in combinazione con lo zafferano: questi due elementi, infatti, hanno una preziosissima azione sinergica.

Il miele è composto da molti elementi nutritivi che rallentano l’invecchiamento della pelle: carboidrati (fruttosio), 18 amminoacidi liberi, acqua, calcio, ferro, zinco, potassio, fosforo, magnesio, selenio, cromo, manganese, proteine, enzimi, vitamina E e vitamina C.

Anche lo zafferano, nel tempo, si è guadagnato un’importante reputazione come aiuto di bellezza! Possiede infatti numerose proprietà terapeutiche: il potassio in esso contenuto, ad esempio, coadiuva la riparazione delle cellule e il loro ricambio, inoltre è ricco di vitamine e antiossidanti capaci di espletare un effetto ringiovanente ed illuminante.

zafferano
Il nostro Zafferano coltivato sulla Piana di Navelli, appena raccolto.

Prima di svelarvi un’ottima ricetta per un uso alternativo del nostro Miele e Zafferano, vediamo insieme un po’ di storia per comprendere meglio l’importanza del miele nel corso dei secoli!


STORIA DEL MIELE DALLA PREISTORIA ALLA CONTEMPORANEITÀ

Il miele è nettare raccolto sui fiori ed elaborato dalle api. Dolce, viscoso e nutriente, l’uomo lo consuma da oltre 8000 anni. In tutto questo tempo lo ha impiegato per gli scopi più svariati: dalle cerimonie religiose alla cura delle infezioni.

Secondo testimonianze archeologiche ritrovate in Spagna nei primi del ‘900, l’uomo si cibava di miele già alla fine del Paleolitico. Le prime arnie vengono fatte risalire al VI secolo a.C. ed il nome “miele” parrebbe derivare dal termine ittita (lingua indoeuropea della popolazione Ittita) del II secolo a.C. “melit”.

“L’Uomo di Bicorp”, Cueva dell’Araña, Provincia di Valencia, Spagna.

Le prime testimonianze di apicoltori risalgono invece al 3000 a.C., in Egitto. Gli egiziani, infatti, erano soliti spostarsi lungo il Nilo per seguire la fioritura delle piante e raccoglierne il nettare. Ma non solo, il miele era posto anche all’interno delle tombe come dono per l’Aldilà e veniva utilizzato sia ad uso alimentare che medico, per l’imbalsamazione, per curare disturbi digestivi e come unguento per piaghe e ferite.

Parte inferiore di una scena rappresentante il lavoro di Apicoltura, ritrovata nella tomba di Pabasa a Luxor, Egitto.

Molto in voga tra Babilonesi, Sumeri ed Assiri, il miele era considerato “cibo degli dei” dai Greci (secondo i racconti mitologici, alla sua nascita, Zeus venne nutrito dalle ninfe con latte di capra e miele) e veniva importato in grosse quantità dagli antichi Romani, che lo utilizzavano come dolcificante.

In India veniva considerato un ottimo afrodisiaco, simbolo di bellezza, bontà e virtù e aveva un ruolo molto importante nella medicina Ayurvedica per i suoi svariati benefici come elemento purificante, vermifugo, cicatrizzante e cosmetico.

Resistito come dolcificante e conservante nel Medioevo e Rinascimento, periodi in cui l’utilizzo e la produzione vennero regolamentati e incentivati sia in ambito culinario – era l’ingrediente base dell’idromele – che in campo medico, soprattutto in galenica, il miele conobbe il suo declino ad inizio Novecento con l’avvento dello zucchero, per poi tornare in auge solo negli anni ’70.


MASCHERA VISO AL MIELE E ZAFFERANO: SOLUZIONE ECONOMICA ED EFFICACE CONTRO BRUFOLI E IMPERFEZIONI

Bene, ora torniamo a noi!

A chi non piacerebbe avere una pelle perfetta, luminosa e soffice, ma soprattutto libera dai terribili brufoli?! Vorreste sperimentare un trattamento anti-age completamente naturale e fatto in casa?

Bene, allora siete nel posto giusto.

Vi proponiamo una maschera viso golosissima, a base di uno dei nostri prodotti più preziosi: Miele e Zafferano. Sperimenterete tutta la piacevolezza di farvi coccolare da ingredienti al 100% naturali ed italiani!

miele e zafferano
Il nostro “Miele e Zafferano”: miele d’acacia e stimmi purissimi infusi all’interno

In questo periodo in cui la pelle è maggiormente stressata dall’utilizzo della mascherina, sarà un vero toccasana. Prendetevi un momento per voi stesse/i e seguite questi 5 semplicissimi passi:

  • prelevate un po’ di prodotto dal vasetto
  • stendetelo sul viso
  • attendete dai 15 ai 20 minuti
  • sciacquate con acqua
  • asciugate tamponando delicatamente con un asciugamano

Ricordatevi sempre di preparare la vostra pelle in modo che sia più recettiva alle proprietà nutrienti della maschera, noi vi suggeriamo una bella doccia calda: il vapore aiuterà ad aprire i pori e, perché no, sarà utile anche a distendere i muscoli e i nervi tesi.

Ovviamente la consigliamo anche a voi uomini, spesso restii alle cure del viso: la vostra pelle non è di marmo e, fidatevi, vi ringrazierà!

Io a volte la tengo anche 5 minuti in più, in base alla necessità del momento. Personalmente, posso dirvi che già subito dopo la prima applicazione la mia pelle è risultata più liscia, levigata ed idratata! Provare per credere 😉

L’effetto sarà sorprendente e ripagherà sicuramente il tempo d’attesa necessario. Volta dopo volta il vostro viso sarà sempre più privo di imperfezioni, ma dovrete resistere alla tentazione di leccarvi i baffi!

miele e zafferano
Questa sono io mentre rifletto su come riempire la vasca
di miele e zafferano per tuffarmici dentro!

E poi, subito dopo la maschera, potrete godervi una piacevole merenda o uno stuzzicante aperitivo per un utilizzo assolutamente senza sprechi: sarà ottimo spalmato sul pane, sulla frutta o sui formaggi…che c’è di meglio? 😛

Se ancora non lo avete a casa, potete acquistarlo sul nostro shop!

Provate anche voi questa maschera per il viso al miele e zafferano e condividete con noi le vostre impressioni. E se avete dubbi o suggerimenti, noi siamo sempre qui, pronti ad aiutarvi 😊

Ricordatevi di iscrivervi alla nostra newsletter e di seguirci anche sui nostri canali social, per rimanere sempre aggiornati su offerte e novità!

Grazie per lettura e al prossimo articolo!


Fonti:

Israili ZH. Antimicrobial Properties of Honey. Am J Therapeutics. 2013;

Traditional and Modern Uses of Saffron (Crocus Sativus), Ibtissam Mzabri, Mohamed Addi and Abdelbasset Berrichi, Laboratory of Biology of Plants and Microorganisms, Faculty of Sciences, B.P. 717, Oujda 60000, Morocco;

Burlando B, Cornara L. Honey in dermatology and skin care: a review. J Cosmetic Dermatol. 2013;

Wikipedia, https://it.wikipedia.org/wiki/Miele, ultima consultazione 14/05/2020.

2 Marzo 2020
View: 113

Lo Zafferano di Navelli è senza dubbio il prodotto più pregiato d’Abruzzo. Coltivato sulla Piana di Navelli, a L’Aquila, ha una storia molto particolare e tutta da scoprire!

Noi di Mamo ci siamo innamorati di questa spezia proprio partecipando alla raccolta: la tecnica utilizzata per la coltivazione e l’amore e la delicatezza posti nella divisione degli stimmi dai fiori, lo rendono unico e soprattutto buonissimo!

Da qui, abbiamo deciso di iniziare a studiarlo e a coltivarlo, facendo esperienza e imparando ad apprezzare ogni giorno di più questo pregiato Oro rosso.

Zafferano di Navelli

In questo articolo scoprirete brevemente la storia del famoso Zafferano di Navelli, affascinante quanto incantevole.

Siete curiosi? Allora buona lettura!

Mitologia

L’origine del nome “Zafferano”, dal greco Kròkos (filo), viene attribuito – secondo la mitologia greca – alla romantica ma sventurata storia d’amore tra un giovane mortale di nome Kròkos e la bellissima ninfa Smilax.

Crocus et Smilax (Mét. en rondeaux Mabre-Cramoisy 1676)

Più comune è invece l’origine mediterranea: lo Zafferano (in arabo zaʿfarān), infatti, è una pianta originaria dell’Asia Minore, delle zone montuose dell’Iran e del Mediterraneo orientale, coltivata per la prima volta in Grecia e probabile discendente del Crocus cartwrightianus, originario dell’isola di Creta.

Nel 961 a.C. la spezia venne diffusa dai conquistatori arabi in Spagna, dove divenne una fonte di ricchezza tutelata attraverso l’istituzione di un tribunale speciale per il controllo, con leggi molto severe riguardanti l’esportazione dei bulbi.

Dalla Spagna, intorno al 1250, raggiunse l’Abruzzo: tra i membri del tribunale spagnolo, infatti, figurava il padre domenicano Domenico Santucci, nativo di Navelli (AQ) ed estimatore delle virtù dello Zafferano, che riuscì a trafugare i bulbi portandoli con sé nel suo paese natale.

Piana di Navelli (L’Aquila) – Terra madre dello Zafferano abruzzese

In quelle zone lo Zafferano trovò terreno fertile e, in breve tempo, la coltivazione si estese nelle località vicine, tra cui Barisciano, dove procede la nostra coltivazione. Qui, durante l’antichissima e tradizionale Fiera di Santa Caterina (tuttora in voga nel mese di Novembre), veniva quotato il prezzo dello Zafferano per i mercati nazionali ed internazionali.

Come acquistare il nostro Zafferano di Navelli

Potete acquistare il nostro purissimo Zafferano di Navelli (L’Aquila) in diversi formati (0,3g – 0,5g – 1g) sia in Vasetto che in Astuccio Premium su cui sono riportate le dosi consigliate dello Zafferano e soprattutto le istruzioni su come utilizzare i suoi Stimmi.

Zafferano di Navelli
Zafferano di Navelli
Zafferano di Navelli

Per scoprire di più sullo zafferano, vi consigliamo di leggere il nostro articolo su curiosità, usi e ricette con protagonista questa magnifica spezia!

Vi ringraziamo per la lettura e vi invitiamo a trovarci sui nostri canali social!